Xiaomi Mi A4 non verrà realizzato, Android One sta crollando

Xiaomi potrebbe aver già detto addio Android One, affermando che non ha piani di investimento per i nuovi smartphone con sistema operativo Android One. Tradotto, a A4 Non esisterà

Con MIUI sempre più apprezzato dagli utenti, Android One è considerato ridondante, tant’è che A3 potrebbe essere l’ultimo smartphone con sistema operativo Google quasi disponibile.

Sfortunatamente, il fallimento di Android One è lì per tutti. Doveva essere un sistema operativo quasi interamente con aggiornamenti tempestivi come Google Pixel E invece, tutto si è trasformato in una lenta agonia in attesa degli aggiornamenti che, inoltre, erano anche sostenitori di brutte esperienze.

Stiamo parlando dello Xiaomi Mi A3 (ma non solo) con ridimensionamento i problemi. Android 10, rilasciato prima, quindi ritirato, quindi rilasciato e quindi ritirato di nuovo per problemi significativi legati allo spegnimento e alla riaccensione del dispositivo. Alla fine, la società ha messo una grossa patch, ma gli eventi non possono essere cancellati con una spugna! Il problema non cambia anche quando guardiamo oltre il confine cinese: gli aggiornamenti non sono mai tempestivi e i clienti sono sempre più frustrati.

Con lo sviluppo di MIUI che ha raggiunto risultati di maturità incredibili, Xiaomi potrebbe aver lasciato cadere l’asciugamano e deciso di non produrre nemmeno il prossimo Mi A4, scommettendo interamente sulla sua interfaccia utente.

Non saremo sorpresi se gli altri OEM hanno seguito questa strada, proprio perché le promesse che dovevano mantenere erano piuttosto diverse.

Se non vuoi aspettare il top della serie Redmi K30 Ultra, puoi ottenere il fantastico Redmi Note 9 per meno di 200 euro. Puoi comprarlo Qui.

READ  Negozi WINDTRE GO: offerte nazionali e locali fino a 100 Giga da 5,99 euro al mese. Senza SIM - MondoMobileWeb.it
More from Quirino Trevisani

La Cina approva la legge sulla sicurezza nazionale nel punto di svolta per Hong Kong

Chua Chu Kang GRC: PAP vs PSP Martedì il parlamento cinese ha...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *