Sondaggio cinema o OTT: il pubblico preferisce guardare i film a casa, eliminare il denaro extra

(Fonte: Twitter)

Sono passati più di 4 mesi da quando è stato annunciato il blocco con la situazione di pandemia di COVID-19 che ha attaccato il mondo intero e le persone sono state costrette a rimanere a casa. Mentre il distanziamento sociale è diventato sottilmente la norma di tutti, un’altra tendenza ampiamente diffusa tra i dati demografici è l’aumento dell’uso delle piattaforme OTT e la domanda di contenuti originali.

Molti produttori hanno scelto di pubblicare i loro film su piattaforme OTT che non sono andati bene ai proprietari di multiplex e ai distributori di film.

E mentre la discussione sulla coesistenza di minacce e piattaforme OTT continua a crescere, IBTimes ha deciso di eseguire alcuni sondaggi sull’argomento per sapere cosa sta succedendo nelle menti del pubblico.

Poiché il distanziamento fisico / sociale è una norma a causa del coronavirus, abbiamo chiesto al pubblico “dove guarderanno i film ora: a casa in TV / OTT (sicuro) o nei cinema (con DPI + SD). OTT ha ottenuto il 75,8 per cento dei voti totali, mentre coloro che desideravano guardare film nei cinema con tutte le misure precauzionali hanno ricevuto il 24,2 per cento dei voti.

Cinema, OTT

In un altro sondaggio, abbiamo chiesto “come si sentono a guardare i film a casa – è meglio. Mi piace o è un’esperienza noiosa. Il 47,4% delle persone ha dichiarato di provare simpatia per la propria casa, mentre il 52,6% ha dichiarato che guardare film sullo schermo del proprio computer è stata un’esperienza noiosa.

Cinema, OTT

In un altro sondaggio, abbiamo chiesto se le persone sarebbero disposte a pagare separatamente per le nuove versioni su piattaforme OTT / TV via cavo, il 37,5 per cento dei voti erano favorevoli. Il restante 62,5 per cento dei voti totali ha dichiarato che non pagherà un extra per la visione di film online.

Cinema, OTT

Riteniamo che i cinema e gli OTT possano coesistere poiché entrambe le piattaforme offrono un’esperienza cinematografica completamente diversa. E c’è abbastanza spazio per entrambi per sopravvivere e prosperare allo stesso tempo.

READ  a Roma 9 nuovi casi, infettati da 15 anni. Nel Lazio 18 positivi
More from Virgilio Arcuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *