Serie B, risultati e verdetti dopo l’ultimo giorno

Nella gara di arrampicata A, Spezia e Pordenone già in semifinale, nei quartieri di Cittadella-Frosinone e Chievo-Empoli. Playout Perugia-Pescara (comunque Trapani spera ancora …)

Adriano Seu

Lo sprint finale dà la sensazione attesa, con 15 gruppi che ballano fino all’ultimo minuto. La gara di spareggio si conclude con la premiazione di Spezia, Pordenone, Cittadella, Chievo, Empoli e Frosinone, che giocheranno l’anticipo finale per unirsi a Benevento e Crotone (conquistando un posto in paradiso molto prima). Contro il destino di Trapani e Juve Stabia, che sono stati relegati direttamente in Serie C insieme al Livorno, sono già stati condannati da tempo. Saranno uniti tra Perugia e Pescara, sono costretti a giocare ai playout. Ma l’appello di Trapani è in fondo alla classifica (decisione del 6 agosto), alla quale il Coni Guarantee College potrebbe restituire 2 punti, condannando così il Pescara per la retrocessione immediata. Il nigeriano Nwankwo (Crotone) è il re del bombardiere con 20 centri.

Ascoli-Benevento 2-4

Diongyi affida le chiavi del centrocampo a Petrucci e si concentra sulla coppia attaccante Skamaka-Ninkovic, ma il Benevento di Inzaghi è senza scrupoli e continua al 25 ° minuto con Sao, approfittando rapidamente dell’aiuto del suo leader. Per i padroni di casa, la notte scende al 32 ‘, quando Barba firma il raddoppio in un programma di calcio. Giallorossi ha poi raggiunto il 45 ° minuto con Roberto Insigne, attestando il successo della 26 ° stagione che ha permesso a Inzaghi di bilanciare il record di vittorie nella 20a squadra della Serie B fondata da Ascoli nel 1978. Le marce hanno ridotto la distanza al 49 ° minuto con Morosini si è presentato a Moncini Poker all’87 ° minuto e ha segnato nel recupero con Trotta per il 2-4 finale, che consente ancora ad Ascoli di evitare i playout con un sussurro.

READ  Roma, gli stracci volano: Dzeko e Pellegrini duramente dopo il knockout

Chievo-Pescara 1-0

Il capo di Bentegodi vede festeggiare i padroni di casa, che negli ultimi minuti effettuano il tiro decisivo nei playoff. Le emozioni sono basse nei primi 45 ‘, con i veneziani che mangiano tre gol. Lo sfarfallio vincente raggiunge solo 88 ‘, grazie a Garritano che segna in partita e condanna l’Abruzzese nei playout.

Cosenza-Juve Stabia 3-1

Lo scontro diretto in coda vede i calabresi festeggiare, davanti a Sciaudone nel 17 ‘. Per firmare il doppio, Riviere sta considerando un rigore al 23 ° minuto (un fallo su Creretta), ma i visitatori trovano la forza di reagire afferrando una traversa con Forte e riducendo la distanza al 31 ‘grazie alla vittoria di Tonucci. È solo un’illusione, perché i padroni di casa decollano al 74 ° minuto grazie al supporto di Riviere (il secondo di fila) che merita un’impressionante salvezza immediata dopo un affascinante finale di stagione.

Cremonese-Pordenone 2-2

Avvio e risposta a Cremona, dove gli ospiti perdono il vantaggio due volte: Tremolada va alla deriva con un rigore al 15 ° minuto prima della grande curva a destra di Gaetano al 17 ° minuto. Nel secondo tempo, Pordenone è ancora in vantaggio al 47 ° minuto con una grande destra da fuori Burrai, ma Gaetano si ripete al 57 ° minuto con un altro capolavoro per la mano destra che vale il 2-2 finale.

Frosinone-Pisa 1-1

A Frosinone, Nesta si rallegra, prendendo i playoff in finale dopo aver corso per oltre un’ora. Poche occasioni nei primi 45 ‘nonostante l’atteggiamento dei padroni di casa, poi la Toscana ha colpito all’inizio della ripresa con Marconi (49’), nel centro della 15a stagione. Ma nel 79 ‘è una festa per il Frosinone, che ripristina l’equilibrio grazie al freddo di Ciano da undici metri. Pisa si arrende così per la classifica indipendente che premia i suoi avversari diretti.

READ  Roma, gli stracci volano: Dzeko e Pellegrini duramente dopo il knockout

Livorno-Empoli 0-2

La Toscana sorridente ha i colori dell’Empoli, che diffonde il battuto Livorno con due bagliori di Antonelli (sub-metro di deviazione in 45 ‘) e La Mantia. Già retrocesse, le granate vengono consegnate senza combattere e aprono la strada ai playoff agli avversari.

Salernitana-Spezia 1-2

Il fallito spareggio di Salernitana di Ventura è stato ridefinito e perduto a La Spezia. Le campane continuano al 30 ° minuto con Gondo, è bene resistere a Bastoni prima di passare Krapikas con una destra esatta al secondo posto. Ma i visitatori si sono bilanciati al 45 ° minuto con un tiro di Mora deviato da Cicerelli prima di mettere il goal vincente in lana grazie a Nzola, quando i padroni di casa sono rimasti in inferiorità numerica per l’espulsione del Maistro.

Trapani-Crotone 2-0

I siciliani sono orgogliosi del colpo di una vittoria aristocratica, ma non è sufficiente per evitare la retrocessione. Anticipo al 54 ‘grazie a un calcio di punizione dal limite del Taugourdeau, il Trapani raddoppia quattro minuti dopo con Dal Monte, ma è condannato dalla combinazione di risultati in altri campi. Anche se le porte della salvezza potrebbero essere riaperte in pochi giorni …

Venezia-Perugia 3-1

Una serata con grandi emozioni in laguna, dove Perugia si sveglia molto tardi. I padroni di casa sono portati via da un grande Aramu, che ha segnato con 42 ‘di rigore e 51’ dopo un clamoroso riavvio. Al 65 ° minuto Capello segna il terzo gol con un capolavoro sotto la traversa. Gli umbri iniziano al 69 ° minuto con il centro della prima stagione di Scarby (proprio sul volo per il polo opposto), ma non è sufficiente per evitare knockout. mandando Perugia direttamente in un drammatico playoff.

READ  Roma, gli stracci volano: Dzeko e Pellegrini duramente dopo il knockout

Entella-Cittadella 2-3

Già fiduciosi di accedere ai playoff, i visitatori lasciano che Benedetti e D’Urso vengano avvertiti di riposare, lasciando spazio a Panico, che sta vivendo una notte magica. Il 23enne di Ottaviano apre la danza dopo soli 3 ‘approfittando di un sonno dalla difesa di casa e, dopo il pareggio di Entella grazie al suo gol di Rizzo, porta la sua squadra al 21 ° minuto con un secco proprio dal limite. Tuttavia, i padroni di casa sono riusciti a guarire per la seconda volta grazie alla brillantezza di De Luca al 49 ° minuto, ma non sono riusciti a passare l’81 ° minuto a causa di un rigore che ha fallito Schenetti. Alla fine, Cittadella celebra, conquistando la vittoria all’87 ° posto grazie a un ottimo colpo di testa di Stanco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *