Il Libano è in una profonda crisi: suicidi di fame e una classe media polverizzata con i suoi soldi. E Covid va avanti

Il 3 luglio, alla luce del giorno, Ali Ahhq deciso di uscire di casa per andare Hamra Street, nel suo cuore commerciale Beirut ovest. Raggiunto vicino a un barattolo, si fermò e mise un documento nello sporco all’interno. Quindi estrasse una pistola e gli spararono alla testa.

Il documento ne era la prova casellario giudiziario pulito, appena rilasciato dalle autorità, a chi Akhik, in fondo, aveva aggiunto uno marcatore Rosso“Non sono un eretico.” Un’autocertificazione, quasi una scusa: per un musulmano Ali il suicidio è un peccato, in ogni caso. Ma “Non sono un eretico” – in arabo Se caffè – è anche il testo di una famosa canzone di un cantante libanese Ziad Rahbani, che poi continua con “… la fame è eresia”. Ali Ahhq morì di disperazione e fame, di se stesso e di una famiglia che non poteva più sostenere.

Secondo un recente rapporto Salva i bambini, solo nella sua zona Greater Beirut – 2,2 milioni di abitanti – le persone che non hanno abbastanza cibo sono circa 910 mila, la metà delle quali bambini, che sono a rischio di fame durante l’anno. La scorsa settimana a Tripoli, Walid al Manna, 2 anni, deceduto per a polmonite, poiché tutti gli ospedali della città dovevano essere ridotti – a causa della carenza letti è risorse – la richiesta di cure da parte dei suoi genitori, che lo vedevano da giorni cianotico.

Il Libano è dentro coma profondo, forse irreversibile, dopo essere caduto in uno crisi economico Senza precedenti. La classe media libanese, fino a pochi anni fa, nota per standard di vita paragonabili a quelli dei suoi omologhi europei, quasi scomparsi, è stata polverizzata insieme ai suoi risparmi in libbre libere (spesso il mutui da pagare è in dollari), che ha perso gli ultimi 8 mesi80% del suo valore. Dallo scorso ottobre, il tasso di cambio di 1.500 per un dollaro – mantenuto artificialmente dalla banca centrale – dagli 8.000 sul mercato nero. La polizia locale ha detto Il gioco la diffusione di un nuovo tipo rapine: loro dentro Farmacia, perché anche io. pannolini e latte in polvere Sono arrivati dati eccessivi. Anche le cifre della polizia parlano di un aumento 50% dei furti d’auto nei primi mesi del 2020 rispetto all’anno precedente e il 20% per i furti.

READ  Beirut, 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio in fiamme. Esplosioni: 78 morti

Machher, che ha una panetteria nel suo quartiere Dara ho quasi rinunciato all’idea di chiudere: “come faccio? Due mesi fa un chilo di pollo mi è costato 12 mila sterline, oggi costa 58 mila. Non possiamo più continuare.” Forse non è una coincidenza che le autorità abbiano occupato l’area a 20 luglio Metn tra il 2016 e il 2017 sono scadute in totale 40 tonnellate di pollo carne rossa è stato fatto in ogni modo a bene di lusso, è stato persino eliminato dalla dieta delle forze armate. sui siti web la solidarietà scambia gli scambi libanesi gioielleria è Abiti con carrelli, bottiglia, culla per bambini.

Il Libano ha risparmi in dollari, ma io libanese non hanno più avuto accesso ai dollari per duecento giorni, poiché sono stati inizialmente respinti limiti nella loro rimozione e quindi completamente vietati, ai sensi di a Predefinito tecnico dichiarato dal governo all’inizio di marzo a causa del mancato pagamento di uno Eurobond da 1,2 miliardi di euro. Lo stesso dirigente guidato dal primo ministro Hassan Diab Ha stimato le perdite a circa $ 70 miliardi, in un paese con uno dei debiti pubblici più alti del mondo. In valuta “dura”, il Libano importa quasi tutto e il loro prezzo prodotti alimentari è aumentato di oltre i due terzi. Dozzine di aziende hanno dovuto chiudere, contribuendo ad aumentare il tasso disoccupazione 33%, giovani 45%.

Le ultime notizie preoccupanti sono buio per le strade: metà del semaforo di Beirut ha smesso di funzionare e lo stesso vale per la maggior parte lampadine, a causa di una controversia (su chi dovrebbe essere il destinatario dei parchimetri) tra comune della capitale ePrincipio di regolamentazione del traffico, che ha portato lo scorso maggio a non essere più in grado di rinnovare il contratto con la società libanese-americana Duncan-Nead, che se ne è preso cura. A giugno, 33 persone sono state uccise in incidenti stradali, oltre il 120% in più rispetto ad aprile.

READ  Beirut, 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio in fiamme. Esplosioni: 78 morti

Dalla fine Guerra civile (1975-1990) il Libano ha avuto a che fare con eserciti stranieri; con ricostruzione schizofrenia dopo la guerra e profondamente ineguale, se è vero che secondo Nazioni unite L’1% della popolazione possiede il 25% ricchezzae il 20% dei depositi bancari totali nel 2017 era concentrato in circa 1600 conti correnti (circa lo 0,1% dei conti totali), molti dei quali appartenevano a politici locali. Ha vissuto due guerre Israele, gli anni degli attacchi e, infine, le fughe di guerra Siria (e la guerra tra i quartieri di Tripoli Bab al tabbeneh è Jabal Mohsen, un conflitto siriano su scala minore), con il conseguente afflusso di un numero incredibile di rifugiati siriani – 1,5 milioni, oltre a 500 mila palestinesi, in un paese di 5 milioni di persone e in espansione proprio comeAbruzzo – la mancanza di una rete elettrica efficiente, con interruzioni di corrente pianificate al massimo di circa 12 ore al giorno, e una rete Internet che è rimasta bloccata nel centro di ieri Beirut per sovraccarico di generatori privati ​​con benzina.

Tuttavia, non ha mai raggiunto questo punto, oltre a una forte pandemia deteriora – ci sono quasi 5000 casi, che stanno aumentando al ritmo di 200 al giorno, con uno nuovo Coprifuoco alcuni hanno appena annunciato – e un popolo che non ha più la forza di scendere in piazza per protestare, come hanno fatto alcuni mesi fa. anche proiezione Costi. E ti rende ancora più affamato.

Supporta ilfattoquotidiano.it: non mi piace mai adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo il nostro lavoro consapevolmente,
facciamo un servizio pubblico. Ecco perché siamo orgogliosi ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it
offrire centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini: notizie, informazioni esclusive,
interviste agli esperti, sondaggi, video e altro ancora. Tutto questo lavoro, tuttavia, ha grandi costi finanziari.
La pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non tiene il passo con l’esplosione dell’accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci.
Per darci un contributo minimo pari al prezzo di un cappuccino a settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi quelli che hanno bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Siamo orgogliosi di poter offrire centinaia di nuovi contenuti ogni giorno gratuitamente a tutti i cittadini.
Ma la pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non tiene il passo con l’esplosione dell’accesso a ilfattoquotidiano.it.
Ecco perché ti chiedo di supportarci, con un contributo minimo pari al prezzo di un cappuccino a settimana.
Una piccola ma fondamentale quantità per il nostro lavoro. Aiutaci!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


Sostieni ora


Pagamenti disponibili

More from Amato Trentini

Clima estremo, ecco il record di ARCTIC STORM

Le condizioni climatiche della regione artica sono state incredibili quest’anno. Oltre al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *