Il debole non compie la pace, The Brave Do

PM Modi in Ladakh: PM Modi ha raggiunto il Ladakh questa mattina presto.

Ladakh / Nuova Delhi:

Il primo ministro Narendra Modi, rivolgendosi oggi alle truppe durante una visita a sorpresa a un posto di guardia in Ladakh, ha dichiarato: “I deboli non possono mai raggiungere la pace, i coraggiosi lo fanno”. Descrivendo i soldati come “i coraggiosi del suolo”, il Primo Ministro ha detto che “il nemico ha visto il tuo fuoco e la tua furia”, portando un messaggio forte e diretto in Cina dopo lo scontro del 15 giugno in cui 20 soldati sono stati uccisi in azione.

“Il tuo coraggio e la tua dedizione per la madrepatria non hanno eguali. Ogni singolo indiano in tutto il mondo, specialmente in India, ha la convinzione che tutti voi possiate offrire e mantenere la nazione forte e sicura. Il vostro coraggio è più alto delle altezze in cui siete tutti di stanza Le tue braccia sono forti come le montagne che ti circondano. La tua fiducia, determinazione e convinzione sono immobili (Atal) e le cime qui “, ha detto.

“Le condizioni in cui tutti voi esprimete il meglio sono tra le più difficili del mondo e avete dimostrato più volte che la forza armata indiana è più potente e migliore di chiunque altro al mondo.”

Canti di “Bharat Mata ki Jai” e “Vande Mataram“risuonò quando arrivò a Nimu prima di oggi. Un video mostra i soldati esultare mentre il Primo Ministro camminava in mezzo a loro, accompagnati dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Bipin Rawat e dal Capo Generale dell’Esercito MM Naravane. Fu trasportato dall’elicottero a Nimu, 11.000 piedi in alto in Himalaya e sulle rive del fiume Indo.

READ  i fatti reali, la menzogna sulla crisi crolla - Libero Quotidiano

Seduto in una tenda mimetica, il Primo Ministro Modi ha interagito con i soldati dell’esercito, dell’aeronautica e della polizia di frontiera indo-tibetana. Più tardi, si rivolse alle truppe.

“I nostri nemici hanno visto il tuo Fuoco e la tua Furia”, disse, rivolgendosi al XIV Corpo dell’Esercito di Leh che si chiama Corpo del Fuoco e della Furia.

More from Quirino Trevisani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *