Il Congresso del Maharashtra sospende Sanjay Jha per attività “anti-partito”

L’avviso, emesso dal Congresso del Maharashtra e firmato da Balasaheb Thorat, capo dell’unità statale del partito, è arrivato poco dopo che Jha è apparso in un canale televisivo.

In uno sviluppo improvviso, il presidente del Congresso del Maharashtra Balasaheb Thorat martedì (14 luglio) ha sospeso l’ex portavoce del partito Sanjay Jha per “attività antipartitiche e violazione della disciplina” con effetto immediato.

L’avviso, emesso dal Congresso del Maharashtra e firmato da Balasaheb Thorat, capo dell’unità statale del partito, è arrivato poco dopo che Jha è apparso in un canale televisivo.

Prendendo su Twitter, il Congresso del Maharashtra ha dichiarato: “Shri Sanjay Jha è stato sospeso dal Partito del Congresso con effetto immediato per le attività antipartitiche e la violazione della disciplina”.

L’ex portavoce del Congresso noto per la sua schiettezza

Jha, che era il portavoce del Congresso ed era noto per la sua schiettezza, è stato licenziato come portavoce del partito a giugno per un articolo di giornale critico nei confronti del partito.

Tuttavia, una dichiarazione concisa annunciò che era stato sospeso con effetto immediato per “attività antipartitiche e violazione della disciplina”, che non erano state specificate.

Nelle ultime settimane, Jha è stato alla ribalta per i suoi articoli, tweet, commenti, ecc., Molti dei quali sono stati interpretati come anti-congresso per mettere in discussione la leadership del partito.

La biografia di Jha su Twitter ora recita: “Congressi del DNA. Saccheggiato come portavoce nazionale per aver scritto:” L’India ha bisogno di un Congresso risvegliato e rivitalizzato, pronto a vincere la seconda lotta per la libertà “.”

(Con input di agenzia)

READ  L'estate di Maria Elena Boschi: il suo ragazzo, i suoi colpi ... E a settembre il Ministero della Pubblica Istruzione?
More from Quirino Trevisani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *