i passanti filmano la scena con il telefono Solo uno ha cercato di aiutarla

nella foto: File

Lei è una donna morì a Crema dopo essere stato spruzzato con benzina e dato alle fiamme in Campo del Mezo. Ma solo una persona si è fermata per salvarla, mentre gli altri passanti hanno filmato la scena con il suo telefono cellulare. L’identità della vittima non è stata ancora rivelata.

È stato lo stesso soccorritore a denunciare l’incidente, in una lunga posizione che è ricominciata sui social media attraverso il sindaco della città, Stefania Bonaldi. “Mentre andavo con mia moglie, sono uscito immediatamente dalla macchina – dice l’uomo – e ho cercato di chiudere il più possibile con un asciugamano per esercizi. La signora ha bruciato nel campo opposto ed ero l’unica a provare a fare qualcosa. , una ventina di persone con il cellulare, hanno filmato la scena. Dopo minuti e minuti, qualcuno si è avvicinato con un estintore che non sapeva cosa fare. Ho spento tutto con l’estintore. La signora penso sia morta, anche se ho continuato a parlare cercando un respiro … alla fine il salvataggio è arrivato dopo 15 minuti … Ho anche provato 113-112 e ho aspettato.Non so se sarà salvato. Ma le persone con il cellulare dal parcheggio del veicolo mi hanno fatto arrivare finalmente quando avevo già spento tutto … per curiosità! C’è un motivo per un uomo, ma cosa hanno fatto con il cellulare, sparando ???? Se avessi trascorso qualche minuto prima, forse lì avrei salvato. primo cittadino Crema e questo è successo nella sua città natale, la nostra. So che non puoi far nulla … ma ho pensato a te come il primo cittadino ad avvertirti per primo. Le ho scritto perché forse alcuni messaggi diventano più rumorosi della sua posizione … Mi dispiace che nessuno abbia avuto l’idea di intervenire prima … “.

READ  "Corsi di rinforzo". 3 milioni sono stati stanziati per il 2020

“Non sappiamo ancora chi sia questa povera donna”, commenta Bonaldi, “e non conosciamo le dinamiche di quello che è successo. La polizia ci farà capire qualcosa di più. Ma la testimonianza di questo primo soccorritore, che è passato in quel momento e ha smesso di aiutare, è bello. Il pubblico, in accordo con chi me lo ha inviato, ha sollecitato la nostra preoccupazione. Capisco che non tutti possono avere sangue freddo e prontezza ad intervenire quando una persona può congelare. dallo shock di ciò che sta accadendo, anche con gli attuali 40 gradi. Ma se gli spettatori di questa tragedia hanno avuto la compostezza di alzare il telefono e immortalare la scena, invece di affrettarsi ad aiutare o chiedere aiuto, allora dobbiamo mettere dentro domande a noi stessi. Serio e molto, molto urgente. Che cosa siamo diventati? E ​​se questa donna fosse nostra figlia, sorella, moglie, madre? Cosa può renderci così sensibili e distratti? di fronte al dolore? za degli altri? Perché questa indifferenza? Un abbraccio a questa “buona samaritana”, che è passata di lì e ha smesso di aiutare, anche se ovviamente non era abbastanza, e un pensiero pieno di dolore per questa donna. “Oggi non è una buona giornata, Cream”, conclude.

More from Quirino Trevisani

I rinforzi di Nets gravemente necessari sono arrivati ​​alla bolla NBA

Dopo essere stati decimati da infortuni e coronavirus – perdendo otto giocatori...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *