Hong Kong: 600.000 voti in opposizione primaria nonostante i timori della nuova legge sulla sicurezza

Il campo di opposizione spera di impadronirsi di una maggioranza storica in parlamento, attraverso un attento coordinamento per evitare di dividere il voto a favore della democrazia e facendo progressi nei collegi elettorali funzionali, seggi scelti da gruppi di imprese e professionisti che formano la metà del legislatore.

Questo sarebbe un compito difficile nel migliore dei casi, e il governo ha già suggerito che potrebbe escludere potenzialmente decine di candidati da quelle elezioni ai sensi della nuova legge sulla sicurezza, che criminalizza secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere.

L’umore dell’opposizione è stato notevolmente aumentato lunedì, tuttavia, dopo gli organizzatori hanno detto circa 600.000 voti sono stati espressi nelle elezioni primarie. Questo è circa il 27% del numero di persone chi ha votato nelle più recenti elezioni legislative e ben oltre l’obiettivo originale degli organizzatori di 170.000.

“La gente di Hong Kong ha fatto di nuovo storia”, ha detto Benny Tai, uno degli organizzatori, dopo che il seggio si è concluso domenica sera. “Le persone di Hong Kong hanno dimostrato al mondo, e anche alle autorità, che non abbiamo rinunciato a lottare per la democrazia”.

Erick Tsang, il segretario per gli affari costituzionali e di terraferma di Hong Kong, ha dichiarato venerdì che le primarie potrebbero violare la nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong a causa della posizione politica dei candidati, secondo Hong Kong emittente pubblica RTHK.

“Coloro che hanno organizzato, pianificato o partecipato alle elezioni primarie dovrebbero evitare di violare negligentemente la legge”, ha affermato.

Venerdì sera, la polizia ha fatto irruzione negli uffici del Public Opinion Research Institute, una società elettorale che stava aiutando a organizzare le primarie. Gli organizzatori hanno denunciato la mossa come un tentativo di interrompere il voto o intimidire le persone, mentre la polizia ha affermato che era correlata a un suggerimento su potenziali dati compromessi.

READ  Oroscopo attuale, venerdì 7 agosto 2020 - Previsione per tutti i segni

Il raid della polizia potrebbe aver contribuito ad aiutare a pubblicizzare le elezioni primarie, tuttavia, con la notizia dell’evento circolata in tutta la città.

Parlando con la posta della mattina del sud della Cina, una donna, che si è trasferita dalla Cina alla città 20 anni fa, ha dichiarato di aver preso parte al voto perché temeva “un giorno Hong Kong diventerà come la terraferma un giorno”.

“Mi chiedevo se sarebbe stata l’ultima volta che ho preso parte a una lezione del genere”, ha detto Kitty Yau al giornale. “Ma non ho paura di nessun” terrore bianco “poiché sto solo esercitando i miei diritti.”

Legge sulla sicurezza

C’è stato un brivido marcato nella politica della città dal passaggio della legge sulla sicurezza, che è stata imposta direttamente da Pechino, aggirando la legislatura di Hong Kong.

Nelle ore successive alla sua approvazione, diversi partiti politici si sciolsero, incluso uno fondato dal noto attivista Joshua Wong. Online, le persone hanno cancellato i profili dei social media e cancellato gli account e chiesto ai contatti di cancellare i loro messaggi WhatsApp. Negozi e ristoranti che erano stati sostenitori vocali del movimento di protesta antigovernativa potevano essere visti affrettatamente a rimuovere i manifesti, per paura di essere perseguiti a norma della nuova legge.

Mentre il governo ha ripetutamente insistito sul fatto che la legge interesserà solo una piccola minoranza di Hong Kong ed era necessaria per proteggere la sicurezza nazionale, ha incontrato una diffusa opposizione sia in città che all’estero.

La scorsa settimana, l’Australia si è unita al Canada sospendendo il suo trattato di estradizione con Hong Kong. Canberra ha detto che offrirà anche un percorso di cittadinanza per Hong Kong, seguendo la promessa del Regno Unito di consentire a circa 3 milioni di Hong Kong di stabilirsi lì, nel caso in cui fossero saggi.

Rimane una considerevole incertezza intorno alla legge e molti gruppi all’interno della città non direttamente presi di mira da essa – ONG, organizzazioni dei media e imprese – stanno aspettando di vedere come potrebbero influenzarli.

In un sondaggio delle 183 società pubblicate lunedì, la Camera di commercio americana ha riscontrato che il 76% degli intervistati era preoccupato per la legge, mentre il 40% ha dichiarato di essere “estremamente preoccupato”.

“L’incertezza delle normative è leggermente preoccupante e l’attuale conflitto tra Stati Uniti e Cina”, ha affermato un intervistato. “Ciò potrebbe portare a una situazione in cui la Cina arresta le persone per motivi politici”.

READ  Oroscopo attuale, venerdì 7 agosto 2020 - Previsione per tutti i segni

Circa il 68% degli intervistati ha affermato di essersi preoccupato maggiormente della legge man mano che i dettagli sono emersi, con un intervistato che ha affermato che “un linguaggio vago rende la legge uno strumento perfetto per la legge per legge e sta già conducendo al tipo di autocensura che è così efficace nel soffocare il discorso pubblico in Cina “.

Gli intervistati hanno affermato che le loro principali preoccupazioni riguardo alla legge erano la sua ambiguità e il potenziale effetto sull’indipendenza della magistratura, e una nuda maggioranza, il 52%, ha dichiarato di poter prendere in considerazione la possibilità di lasciare Hong Kong come conseguenza della legge.

Eric Cheung della CNN ha contribuito alla segnalazione.

More from Quirino Trevisani

Blocco di Hyderabad raccomandato da esperti medici, decisione in 3-4 giorni

Telangana ha riportato oltre 13.000 casi di coronavirus. Hyderabad: Hyderabad dovrebbe essere...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *