Hagia Sophia: Papa Francesco “molto rattristato” mentre la Turchia converte il museo in moschea

“Il mare porta il mio pensiero un po ‘lontano, a Istanbul”, ha detto il pontefice durante la preghiera, che commemora le persone che lavorano in mare.

Da un decreto del gabinetto nel 1934, l’edificio iconico di Istanbul è servito da museo, ma venerdì il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha emesso un decreto presidenziale per trasferire la gestione dell’edificio dal Ministero della Cultura alla Presidenza degli affari religiosi.

L’ordinanza segue una precedente sentenza di un tribunale turco che ha annullato il decreto del governo decennale.

L’Hagia Sophia è a UNESCO Sito del patrimonio mondiale, e il gruppo afferma che si rammarica profondamente per la decisione della Turchia.

“Hagia Sophia è un capolavoro architettonico e una testimonianza unica delle interazioni tra Europa e Asia nel corso dei secoli”, ha dichiarato il direttore generale Audrey Azoulay.

“Il suo status di museo riflette la natura universale del suo patrimonio e lo rende un potente simbolo per il dialogo”.

Grecia e Francia hanno anche messo in discussione il secolarismo turco.

L’iconica storia dell’edificio risale all’impero bizantino nel VI secolo, quando fu costruita come cattedrale. Nel 15 ° secolo, divenne una moschea.

Poiché l’Islam proibisce che le immagini delle persone vengano esposte nelle moschee, i funzionari hanno in programma di usare luci e tende per coprire i numerosi mosaici cristiani bizantini nella Basilica di Santa Sofia, ha detto domenica alla televisione turca il capo degli affari religiosi della Turchia, Ali Erbaş.

Dopo la preghiera, i dipinti saranno nuovamente scoperti per i visitatori. Anche i biglietti d’ingresso saranno annullati, ha affermato il presidente Erdoğan.

“Come tutte le nostre moschee, le sue porte saranno aperte a tutti – musulmani o non musulmani”, ha detto Erdoğan.

READ  Esplosione a Beirut: casi di disastro

“Come patrimonio comune del mondo, Hagia Sophia, con il suo nuovo status, continuerà ad abbracciare tutti in modo più sincero.”

Sharif Paget della CNN, Murat Baykara, Isil Sariyuce, Livia Borghese e Zahid Mahmood hanno contribuito a questo rapporto.

More from Virgilio Arcuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *