Benvenuti nello stadio di Whack-a-Mole del coronavirus

Invece, i funzionari della sanità pubblica sperano che saranno in grado di contenere l’epidemia introducendo misure locali più sfumate e proseguendo con i test e la ricerca dei contatti. Il loro approccio fa eco a racconti simili altrove.

È un assaggio di come potrebbe apparire la nuova normalità: un gioco perpetuo di scherno in una talpa in cui le autorità corrono per contenere il virus mentre si diffonde in nuovi luoghi.

“In assenza di un vaccino, lo scenario migliore che possiamo sperare è che ci sia un livello molto basso di diffusione del virus nella popolazione generale e che se ci sono hotspot e focolai locali, le autorità sanitarie locali possono lavorare abbastanza velocemente per contenerlo e prevenirne la diffusione “, ha affermato il dott. Thomas Kamradt, immunologo e professore presso l’ospedale universitario dell’Università Friedrich-Schiller di Jena, in Germania.

L’importantissimo numero R?

Lo scoppio al Pianta di carne Toennies a Guetersloh ha suscitato paura in Germania in parte perché ha aumentato il tasso di riproduzione del paese verso l’alto. L’oscuro concetto epidemiologico divenne un termine familiare, con le prime pagine in tutta Europa che riportavano “Un enorme picco nella Germania R.” Secondo il centro tedesco per il controllo delle malattie, il Robert Koch Institute, il tasso si attesta ora a 2,76, il che significa che una persona infetta sta attualmente trasmettendo il virus ad altre 2,76 persone. Durante il fine settimana, è salito a 2,88.

L’elevato numero di riproduzione mostra la facilità con cui il virus si diffonde quando viene lasciato deselezionato. Quando scende al di sotto di 1, l’epidemia sta svanendo. Quando è superiore a 1, si sta diffondendo. Se il tasso rimane al di sopra di 1 per un lungo periodo di tempo, potrebbe arrivare il momento in cui ci sono più malati di quanti gli ospedali possano gestire. Ciò significa che alcuni pazienti finiranno per perdere le cure critiche di cui hanno bisogno, ad esempio perché non ci sono abbastanza ventilatori, e il bilancio complessivo delle vittime è quindi molto più alto.

Il cancelliere Angela Merkel ha ripetutamente sottolineato che per sconfiggere il virus, il numero – ampiamente noto come R0 o solo R – deve rimanere al di sotto di 1. Ha suggerito che potrebbe essere necessario introdurre nuove restrizioni se il tasso aumenta.

READ  Leone, Vergine, Bilancia e Scorpione

Ma mentre il numero R è importante, non dipinge un quadro completo. Il tasso in Germania è balzato all’improvviso perché 1.553 lavoratori nella fabbrica di Toennies sono risultati positivi per il virus, anche se il resto del paese ha visto pochissime nuove infezioni.

“La R deve sempre essere vista nel contesto”, ha affermato Marieke Degen, vicedirettore presso il Robert Koch Institute. “Se hai un numero basso di infezioni in totale – in Germania [it’s] alcune centinaia al giorno – e alcuni focolai più grandi, la R può aumentare abbastanza rapidamente, ma questo non è così problematico “, ha detto.” Sarebbe molto peggio se avessi 50.000 casi giornalieri e una R stimata di circa 2- 3.”

Mentre l’epidemia nella fabbrica è stata grave, le autorità sperano che il virus non sia stato in grado di diffondersi ulteriormente. Il primo ministro della Vestfalia del Nord Reno-Westfalia, Armin Laschet, ha detto martedì che finora solo 24 persone senza collegamenti con la fabbrica si sono dimostrate positive nel distretto. “La domanda è: quante persone hanno incontrato coloro che sono stati infettati?” Laschet ha detto in una conferenza stampa.

Lavoro investigativo

Gli esperti stanno ora lavorando contro il tempo per capirlo. Il distretto ha già testato tutti quelli collegati alla fabbrica e ha inviato 100 team di test mobili per contattare quante più persone possibile. Nel distretto è stato aperto uno speciale centro diagnostico per garantire a chiunque di ottenere un test gratuito. Dozzine di soldati, agenti di polizia, scienziati dell’Istituto Robert Koch e membri della Croce Rossa sono stati schierati per aiutare.

Clemens Toennies, un amministratore delegato della società, ha dichiarato su Twitter che la società lo farebbe finanziare test di coronavirus diffusi a Guetersloh per compensare la comunità locale.

La velocità è fondamentale. “Sei sempre dietro l’epidemia in una certa misura”, ha dichiarato Mike Tildesley, professore associato presso la Warwick University. “Sappiamo che le persone possono essere infettate per diversi giorni prima che emergano i sintomi … quando arrivi sul palco ti rendi conto che c’è un problema, c’è già molto di più [cases] nella popolazione “.

READ  Leone, Vergine, Bilancia e Scorpione
La Germania impone un nuovo blocco dopo lo scoppio nella fabbrica di carne

Nonostante lo sforzo mastodontico, gli epidemiologi sono cauti nel dire che l’epidemia è sotto controllo. “Ventiquattro sembra un numero basso, ma è un segno che l’epidemia non è completamente limitata ai lavoratori e alle loro famiglie … c’era abbastanza tempo perché si diffondesse all’esterno”, ha detto il dottor Martin Stuermer, un virologo e il direttore di IMD Labor, un laboratorio di test coronavirus a Francoforte.

L’impianto di Toennies è stato chiuso la scorsa settimana, con tutti i suoi 7000 dipendenti e le loro famiglie hanno ordinato di mettere in quarantena se stessi, ma il blocco più ampio del distretto e dei suoi 360.000 abitanti non è stato annunciato fino a martedì.

Stuermer teme che potrebbe essere stato troppo tardi. La regola empirica che la Germania ha messo in atto quando ha iniziato ad allentare le restrizioni il mese scorso è stata che se un’area avesse registrato più di 50 nuovi casi per 100.000 abitanti in sette giorni, avrebbe dovuto prendere in considerazione l’ipotesi di un blocco.

“Da quel punto di vista, è stato fatto troppo tardi”, ha detto, aggiungendo che precedenti gravi focolai negli impianti di confezionamento della carne in Germania e altrove avrebbero dovuto essere un segnale di avvertimento. “Uno avrebbe dovuto essere allarmato … Toennies ha iniziato i test, ha identificato sempre più casi, ha identificato mandrie di infezione e ha messo in atto una sorta di misure per fermare la diffusione, ma nel complesso non sono riusciti a controllare lo scoppio”, ha detto.

Martedì le autorità tedesche hanno ordinato un nuovo blocco per l'intero distretto di Guetersloh.

Tildesley ha affermato che rispetto a prima nella pandemia, paesi come la Germania e il Regno Unito sono ora meglio attrezzati per impedire che le epidemie locali si diffondano ulteriormente perché sono riuscite ad aumentare la tracciabilità e i test dei contatti.

READ  Leone, Vergine, Bilancia e Scorpione

Ma sia Stuermer che Kamradt hanno affermato che per avere successo, ogni parte del sistema deve funzionare bene: le autorità sanitarie devono essere in grado di intervenire rapidamente, le persone devono rispettare i blocchi e le aziende devono comportarsi in modo responsabile.

La Germania riporta 650 nuovi casi in un impianto di lavorazione della carne

Toennies, l’azienda che gestisce la fabbrica al centro dell’epidemia, si è trovata sotto pressione. Clemens Toennies si è scusato per l’epidemia e ha affermato che la compagnia aveva la piena responsabilità, ma le critiche non si sono fermate.

La CNN ha ripetutamente contattato Toennies per un commento.

“La collaborazione della fabbrica non è stata molto buona, le autorità hanno dovuto entrare lì per ottenere i dati sui dipendenti per poterli rintracciare e parlare con loro … avrebbe potuto essere fatto più velocemente”, ha detto Kamradt. Funzionari locali tra cui Laschet hanno persino suggerito che Toennies dovrebbe essere ritenuto responsabile dell’epidemia.

Toennies ha dichiarato in una dichiarazione che “lavora tutto il giorno” per aiutare le autorità. Rispondendo alle critiche delle autorità locali che hanno affermato che la società non ha fornito gli indirizzi dei dipendenti, Toennies ha affermato che non è stata negligente e non ha trattenuto alcun dato. Ha incolpato le leggi tedesche sulla protezione dei dati. “Siamo stati in una situazione estrema e abbiamo dovuto considerare la privacy e la protezione dei dati di diverse migliaia di persone. Alla fine, abbiamo ponderato le conseguenze e reso disponibili i dati”. Ma il ministro del lavoro federale Hubertus Heil ha detto al tabloid tedesco Bild che aveva “quasi zero” fiducia in Toennies.

Molti di quelli infetti sono lavoratori migranti provenienti da Romania, Bulgaria e Polonia che lavorano in condizioni anguste e con contratti precari, a basso costo. Le autorità sanitarie tedesche stanno ora cercando disperatamente di raggiungere questa comunità precedentemente invisibile: il distretto sta assumendo 150 traduttori per aiutare.

Hanno contribuito le relazioni di Stephanie Halasz, Hanna Ziady e Zamira Rahim della CNN a Londra e Frederik Pleitgen a Berlino.

More from Quirino Trevisani

Tentazione, un punto di non ritorno per Antonella Elia: un bacio tra Pietro e una tentazione

Isola della tentazione è ora entrato nel cuore. Tra rabbia, paura e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *