ALESSIO POLLACCI, UN PIETRASANTINO ALLA REGIA DI GF E ISOLA DEI FAMOSI

Writer: Carlo Alberto Pazienza


Alessio Pollacci (a sinistra) sul set de L'Isola del Famosi 2017

Per 13 lunghi anni ha avuto la possibilità e il privilegio di osservare da vicino quello che succedeva nella casa più spiata d'Italia. Scoprire i segreti e le abitudini di tutti i partecipanti, mostrandoli al Paese intero. Scrutando anche quei fatti, quegli episodi e quelle situazioni che le telecamere non riuscivano a catturare. Oggi però, dopo 13 edizioni di lavoro nella troupe del Grande Fratello, prima come turnista poi come coordinatore dei registi, Alessio Pollacci ha detto basta al reality più visto in Italia per concentrasi in una nuova avventura televisiva. Toscanaccio doc classe '74, nato a Pisa ma da molti anni residente a Marina di Pietrasanta, si è avvicinato al mondo della televisione quasi per caso. “Ho sempre avuto grande passione per il cinema e da ragazzo mi divertivo con gli amici dell'Università a realizzare corti cinematografici – racconta Alessio – all'epoca non c'erano i social, per cui farsi notare era molto più difficile di oggi, ma sono riuscito a diversi concorsi iniziando a farmi conoscere. Mi sono laureato in Economia a Bologna, ma la svolta è arrivata nel 2002 quando mia madre per caso scoprì sul televideo l'apertura di una scuola di televisione a Roma. Mi iscrissi, venni selezionato e una volta terminati i corsi riuscii ad inserirmi praticamente subito. Quella che fino a pochi mesi prima per me era solo una grande passione, di fatto era diventata una vera opportunità di lavoro”. Ed è stata proprio Il Grande Fratello 4 la prima esperienza importante per Alessio, una produzione che non ha mai abbandonato e nella quale è riuscito a ritagliarsi l'importante ruolo di coordinatore di tutti i registi. Nel 2017 è stato l'unico regista in Honduras de L'Isola dei Famosi ("Un'esperienza faticosa ma affascinante, soprattutto perchè il regista in studio era un mostro sacro come Roberto Cenci"), mentre negli anni passati ha lavorato per altri importanti programmi tv come La Fattoria, Il Treno dei Desideri, Extreme Makeover Home Edition Italia e tanti altri.


Alessio, che esperienza è stata quella del GF? C'è un episodio particolare che ricordi o un personaggio a cui sei rimasto legato?

Ciò che realmente mi è rimasto nel cuore è tutto il contesto: il Grande Fratello è un gruppo di lavoro che si ritrova ogni anno e condivide tanti bei momenti. Per me è stata una scuola clamorosa, grazie alla quale ho imparato tantissimo e che mi ha preparato ad ogni situazione e imprevisto della diretta. A differenza di quello che molti pensano, nel GF tutto succede davvero all'improvviso e la bravura di un regista sta nell'anticipare i movimenti e prevedere i comportamenti di chi si trova all'interno della casa. Con un'esperienza di questo tipo alle spalle, posso dire di sentirmi in grado di gestire qualsiasi situazione in qualunque altro tipo di programma”.

Passano gli anni ma il Grande Fratello resta in piedi e nonostante il calo di ascolti delle ultime edizioni la gente continua a guardarlo e a parlarne. Perchè secondo te?
Potrei risponderti diplomaticamente e dirti che io sono un tecnico e che una domanda del genere dovresti farla agli autori del programma, ma sarebbe troppo facile. In realtà penso che il Grande Fratello abbia una forza di racconto unica. Le storie dei partecipanti, gli intrecci, le relazioni che si creano riescono sempre in qualche modo a catturare l'interesse del telespettatore. Va detto inoltre che l'ultima edizione, il Grande Fratello Vip, ha registrato un importante aumento di ascolti. Molti lo odiano, ma secondo me in modo ingiustificato. Io invece ritengo che il programma abbia un suo fascino che resiste ancora oggi”.

Parlaci della nuova avventura in cui ti sei tuffano
Si chiama Guess My Age ed è il nuovo preserale di TV8, un quiz in cui i concorrenti devono indovinare l'età di persone sconosciute. Conduce Enrico Papi. Stiamo finendo di registrare le puntate che andranno in onda dal 28 agosto. Sono contento, penso sia un programma divertente e sono curiosi di vedere come sarà accolto dal pubblico”.