'L'ANSIA DEL GIALLO', DUE RAGAZZI LUCCHESI ENTRANO NEL GRANDE CINEMA ITALIANO CON UN CORTO RIVOLUZIONARIO

_DSC9628

Tommaso Terigi - DoP

Writer: Giacomo Bernardi


Un progetto cinematografico innovativo che nel milanese sta facendo molto parlare di sé.  "L'Ansia del Giallo", un cortometraggio girato da un gruppo di giovani professionisti, nato dal lavoro e dalle idee di due brillanti ragazzi lucchesi. Si tratta di Tommaso Terigi e Fabio Landi, che hanno seguito e assecondato la talentuosa regista Viola Folador sin dai primi passi del progetto. Il primo, abilissimo operatore, si sta distinguendo velocemente in terra lombarda in veste di Direttore della Fotografia. "Il lavoro con lui è importantissimo - ci spiega Viola, la regista e ideatrice - il direttore della fotografia (D.o.P) ha la responsabilità della resa visiva e dell'immagine (come è illuminata, come appare sullo schermo) lui e il regista (io in questo caso) devono essere in grado di spiegare la propria idea a perfezione e collaborare strettamente per poter essere entrambi soddisfatti del risultato finale. Un bravo DoP sa cosa il regista sta cercando e come accontentarlo e Tommaso è particolarmente bravo in questo. Sa farti diverse proposte e trovare sempre l'alternativa migliore. Era la seconda volta che lavoravamo insieme, la prima è stata sul mio secondo cortometraggio "Samuel", ma è la prima su un progetto così grande". Fabio Landi, invece, è l'operatore di camera,  pilastro fondamentale nella produzione del cortometraggio e anche per il crowdfunding, grazie al quale sono stati raccolti parte dei fondi. Non a caso, molte delle donazioni per la realizzazione del corto sono arrivate proprio da persone di Lucca e dintorni.

11

Giancarlo Ratti

Il film, che dura una ventina di minuti, è una storia nella storia che ha per protagonista Sam, una ragazza affetta "dall’ansia del giallo" e che intende suicidarsi. E invece, dopo aver ricevuto un regalo inatteso (un carillon proprio di colore giallo), si ritroverà ad aspettare un autobus in perenne ritardo, in compagnia del silenzioso Timoteo (ossessionato da tutto ciò che produce suoni) e Manfredi (che vuole vendere a tutti i costi la sua ultima armonica), interpretati da Giancarlo Ratti, noto comico e attore ne 'I Cesaroni' e Tommaso Simonetta. Ma Sam è a sua volta anche il personaggio inconsapevole di un racconto narrato da Victor (alias Chicco Colombo), un vecchio scrittore ancora perdutamente innamorato di sua moglie (Betty Colombo), che sembra nutrire un profondo distacco nei confronti della vita. Nel cast anche l'attrice Valeria Colombo, che ha lavorato, fra gli altri, anche con Paolo Virzì.

Un progetto ambizioso, ben curato e con ottime prospettive. Un cortometraggio innovativo che parla in gran parte toscano, già perché Tommaso e Fabio non sono gli unici lucchesi a far parte del progetto. "Altra lucchese accorsa in nostro aiuto, diventando ben presto fondamentale è la truccatrice Teresa Basili - continua ancora Viola - che ho conosciuto sul set di un altro film qualche anno fa. Ha studiato a Brera per poi specializzarsi nel trucco in tutte le sue declinazioni, è una vera professionista. Il lavoro con lei è ottimale. Capisce velocemente quello che stai cercando e sa farti sempre le giuste proposte".
E poi? Cos'altro? Ambientazione liberty e buio pesto per questo corto davvero eccezionale. Non resta che guardarlo.