LUCREZIA BLUNDA: LA NUOVA VOCE DELLA VALDINIEVOLE

Writer: Claudio Davini


È giovanissima e ha una gran bella voce. Per questo, oltre a frequentare il Liceo, fa anche la cantante. Stiamo parlando di Lucrezia Blunda, adolescente montecatinese che ha partecipato con successo al programma 'Ti lascio una canzone' e spera di sfondare nel mondo della musica. Abbiamo intervistato la giovane promessa valdinievolina, che tra sogni e speranze, ci ha parlato con entusiasmo dei suoi progetti musicali.

Chi sono i tuoi idoli musicali? A chi ti ispiri?

Seguo molti artisti in modo da poter avere una visione il più completa possibile. In ogni caso, fra tutti i musicisti che apprezzo e che stimo, Beyoncé rimane in cima alla lista. Credo sia un'artista completa, da ammirare per l'impegno e la passione che ci ha sempre messo e che continua a metterci.

Quando hai scoperto di voler diventare una cantante?

Il sogno di diventare una cantante affermata è sempre stato parte di me. Quando infatti da bambina mi veniva fatta la fatidica domanda "cosa vuoi fare da grande?" rispondevo che avrei voluto diventare una cantante, anche se a volte comparivano altri lavori come "l'astronauta" o "il medico per curare la mamma quando è vecchia", ma sono poi rimasti lì, tra i sogni infantili. Invece il sogno di diventare una cantante è rimasto invariato, anzi, crescendo è cresciuto con me.

Come descriveresti la tua musica in tre parole?

Emozione pura, intensa e liberatoria.

Cosa provi quando canti?

Un'assoluta libertà di esprimermi senza dover frenare le emozioni e soprattutto senza dover tenere conto di schemi e giudizi.

A parte la musica, cosa ti piace fare nella vita? Hai qualche hobby?

Sì, ho sempre avuto una vita molto "frenetica" direi, ma a seconda del periodo sono più impegnata in qualcosa piuttosto che in altro. Non seguo una scaletta rigida, ma semplicemente vado a sensazione. Per esempio, in questo periodo faccio il ghiro: testo tutti i cuscini di casa mia cercando quello più morbido su cui dormire.

Da bambina hai partecipato alla 3ª edizione di “Ti lascio una canzone”: che cosa ricordi di quell’esperienza? È stata utile per migliorarti?

È stata un'esperienza meravigliosa, che mi ha dato modo di entrare in contatto con il mondo dello spettacolo molto presto. Personalmente l'ho vissuta molto serenamente perché ero una bambina molto ingenua ed entusiasta in tutto quel che facevo, quindi non ho sentito la competizione come invece accadeva per molti altri. Inoltre mi ha sicuramente aiutato nel migliorarmi artisticamente parlando, perché per esempio mi ha dato modo di cantare con artisti di un certo calibro come Baglioni, Emma Marrone, Orietta Berti, I ricchi e poveri etc., e mi ha fatto conoscere la tradizione della musica italiana.

Sei ancora giovanissima, con una carriera tutta da costruire. Tenteresti un’esperienza ad un Talent o preferiresti cercare di sfondare sul Web?

Credo che in questo momento Web e Talent vadano di pari passo e che siano diventati entrambi tappe importanti per gli artisti giovani come me. Perciò se mi venissero proposte, non escluderei nessuna delle due possibilità.

La tua pagina Facebook è molto seguita e apprezzata per le cover che proponi. Arriverà anche qualche brano pensato e scritto da te?

Sto già lavorando da un po' di tempo in sala con autori importanti per cercare il brano giusto, e mi sto anche dedicando in prima persona a testi e musica, perché credo sia importante che chi mi ascolta sappia cosa voglio raccontare.

Quindi uscirà un album?

Non posso svelare niente, ma i progetti ci sono.

E un tour? Hai delle date in programma?

Questa mia passione sta pian piano diventando un lavoro, infatti ho in programma varie serate. Credo che il rapporto con il pubblico si crei durante le serate e questo è fondamentale per la realizzazione e formazione di un'artista. E, se volete sapere dove mi esibirò, dovrete seguire la mia pagina ufficiale.