BAGNO ANNETTA, L'OASI ESCLUSIVA DI FORTE DEI MARMI

Writer: Gabriele Maneschi


Annetta

Carmela Pampaloni, titolare del Bagno Annetta

Forte dei Marmi è stata una delle prime, storiche, località balneari italiane. Un crocevia di industriali, aristocratici, intellettuali ed artisti più o meno conosciuti. Ogni spiaggia, locale o villa nasconde un aneddoto, un ricordo, un segno della Versilia che fu. Un tempo lontano, ma non ancora dissolto. Il Forte conserva intatta la sua aura di eleganza e prestigio. Nell’élite degli stabilimenti balneari c’è l’Annetta a Roma Imperiale. Quasi un secolo di storia, continue innovazioni, nessun timore della concorrenza. Ad attenderci, nel grande salone bianco del bar, la titolare Carmela Pampaloni.

IL BAGNO ANNETTA È UN CLUB, SINONIMO DI ESCLUSIVITÀ E RAFFINATEZZA. QUAL È IL VOSTRO SEGRETO?

“I servizi, altrimenti non ti distingui; una clientela internazionale, abituata a viaggiare, spende e vuole servizi. Abbiamo una piscina, il centro fitness, il mini club. Offriamo pacchetti per tutta la stagione e per fortuna siamo sempre full. Fondamentali sono le regole: la piscina ad esempio, è ad uso esclusivo dei clienti stagionali. L’Annetta poi è diventata una grande famiglia nuovi legami, vecchie amicizie, il ciclo delle generazioni ed i diversi gruppi che s’invitano l’un l’altro condividendo feste, eventi, i compleanni dei bambini”.

A PROPOSITO DI BAMBINI, COSA OFFRITE, IN PARTICOLARE, AGLI OSPITI PIÙ PICCOLI?

“Questa è davvero la spiaggia dei bambini, in ogni angolo del bagno sono sicuri, controllati ed i loro genitori tranquilli. Abbiamo numerose aree gioco, istruttori di nuoto e due ore di mini club gratuito al giorno per i nostri clienti. Il personale poi parla anche russo”.

 

La mia Versilia la immaginavo diversa, come alcune piccole località del sud Italia…un’atmosfera suggestiva, lontana”

Carmela Pampaloni

 

LE STRUTTURE BALNEARI OGGI CONIUGANO TRADIZIONE ED INNOVAZIONE ED AMPLIANO L’OFFERTA, I SERVIZI; MA COM’È LA VERSILIA OGGI? IN COSA CREDE DEBBA MIGLIORARE?

“Dobbiamo stare al passo con le località estere: Formentera, Saint Tropez, Cap Ferrat; noi oggi siamo indietro. Le famiglie vengono qua con i bambini e non sanno, a parte il mare, dove andare; non c’è una ludoteca, un parco divertimenti, un centro di aggregazione. Non solo, anche per i ragazzi e gli adulti, a parte Capannina e Twiga, mancano strutture, quei locali di divertimento adeguati ad una meta balneare come la nostra. Noi organizziamo eventi e sempre siamo stati disponibili a collaborare con l’amministrazione comunale, ma questo purtroppo è il paese dei no. È vero, è cambiata la Versilia, ma dovrebbe cambiare di più”.

TORNANDO ALL’ANNETTA, QUAL È UN MUST, UNA DELLE ESPERIENZE IRRINUNCIABILI DEL BAGNO?

“Dal punto di vista della ristorazione lavoriamo molto con gli esterni, specialmente russi ed un piatto davvero imperdibile è lo spaghetto alle arselle, il 90% dei clienti lo chiede. Non tutti i bagni poi hanno una palestra bella come la nostra; questa, aperta anche per i clienti extra bagno, è utilizzabile con o senza personal trainer”.

QUAL È INVECE LA SUA VERSILIA? COSA LE PIACE FARE NEL TEMPO LIBERO?

“Sono molto abitudinaria, qualche uscita a cena, i due o tre locali storici, di amici: Lorenzo, il Bistrot a Forte dei Marmi, il Pozzo di Bugia a Seravezza, poco altro. A dirti la verità la mia Versilia sarebbe diversa, la immaginavo come alcune piccole località del sud Italia…“Un’atmosfera suggestiva, lontana”.

La splendida piscina del Bagno Annetta

La splendida piscina del Bagno Annetta

Leggi anche: Versilia d'amare - Viaggio alla scoperta dei più importanti stabilimenti balneari della Versilia