ALENA SEREDOVA: "DORMIRE BENE IL SEGRETO DELLA BELLEZZA"

Writer: Andrea Spadoni Foto: Archivio Perdormire


Alena Seredova è una modella, attrice e showgirl ceca naturalizzata italiana. Molto presto è entrata nel mondo della moda e già a quindici anni ha posato per il decano dei fotografi cechi di moda, Jadran Šetlík. Nel 1998 si è classificata seconda al concorso di bellezza nazionale Miss Repubblica Ceca e ha ottenuto il diritto di rappresentare ufficialmente la Repubblica Ceca a Miss Mondo, classificandosi al quarto posto. In Italia è stata lanciata da Giorgio Panariello nella trasmissione televisiva “Torno Sabato”. Grande successo e grande popolarità sono arrivati anche grazie al calendario realizzato per Max nel 2005. Nel 2003 ha lavorato come attrice nel film di Vincenzo Salemme “Ho visto le stelle” e nel 2004 ha partecipato al cinepanettone di Neri Parenti, “Christmas in Love”. Nel 2005 ha fatto parte del cast de La Domenica Sportiva, condotta da Marco Marzocchi, Giorgio Tosatti e Paola Ferrari. Nel 2008 ha lavorato come attrice nel film “Un'estate al mare” e nel 2009 in “Un'estate ai Caraibi”, diretti da Carlo Vanzina. È mamma di due figli: Louis Thomas e David Lee, nati dalla precedente relazione con il portiere della Juventus e della nazionale di calcio italiana, Gianluigi Buffon.

Una importante carriera in tv e oggi anche mamma. Come cambia la vita di una donna quando si hanno figli?
È una trasformazione, un viaggio dall'essere "bambina" all'essere "donna". Credo sia questo il motivo per cui molte donne possono vivere il periodo post parto in maniera traumatica. È un passaggio di stati. Diventi responsabile della creatura che hai messo al Mondo e il tuo mondo cambia profondamente. Cambiano le tue priorità e le tue esigenze perché non sono più tue, le doni a loro. Pensi per due o per tre o per quattro. Non esisti più come individuo separato da loro. Diventi loro.

Negli anni della sua massima popolarità, la televisione era nella sua massima esplosione in italia. Oggi le persone, perlopiù i giovani, scelgono di Seguire personaggi e notizie maggiormente sul web. Cosa è cambiato?
È cambiato tutto e niente. La curiosità verso i personaggi è la medesima. Sono solo differenti i mezzi attraverso cui la curiosità viene soddisfatta. Sicuramente i social network hanno reso possibile una vicinanza tra persone comuni e personaggi che in passato non c'era. Li puoi seguire in ogni momento, vedere dove si muovono, cosa fanno, cosa indossano e cosa mangiano nel momento esatto in cui questo accade. Si può entrare direttamente e con un click nella vita del personaggio, nel proprio quotidiano, senza intermediari. È sparito quel confine tra vita pubblica e privata ed è tutto immediato, veloce. Idem per le notizie. Internet permette un aggiornamento su ciò che accade nel mondo che un tempo non c'era. Permette anche una ricerca di fonti e opinioni differenti sul medesimo fatto. Usato bene, può essere uno strumento incredibile e meraviglioso. È ancora democratico e libero.

Oggi, appunto con il web, forse è più semplice diventare “personaggi”. È però anche più difficile restare nel tempo. Cosa consiglierebbe a una ragazza che vuole tentare la strada dello spettacolo?
Chi resta nel tempo? Ci illudiamo o vogliamo l'immortalità mediatica ma è un paradosso. Tutto ha un inizio e una fine, anche la popolarità. A una ragazza consiglierei di seguire ciò che ama senza porsi alcun obiettivo. Non è importante. Non lo è davvero. L'importante è che qualsiasi percorso porti divertimento, gioia e appagamento per ciò che è, non per ciò che potrebbe essere.

Quanto conta la bellezza per emergere nello spettacolo?
Dipende dal tipo di "spettacolo" ma conta. Sicuramente conta. La bellezza è una chiave di accesso: impossibile negarlo. L'essere umano è attratto da ciò che risponde ai canoni di bellezza. Il problema è che spesso quei canoni di bellezza sono decisi a tavolino da altri esseri umani. Ecco spiegato l'abuso di interventi estetici: ci si vuole adattare a quei canoni. È comunque vero che solo la forma non conta. Occorre altro: fascino, talento, intelligenza, ironia. Quelle sono caratteristiche perenni. E sono quelle spesso a determinare il successo.

Lei conosce molto bene la toscana. Cosa le piace in particolare della nostra regione?
Amo molto la toscana. Ne amo la natura, il mare, i borghi e la storia che si respira nelle sue città o cittadine. Mi fa molta simpatia la parlata toscana e adoro il cibo e il loro buon vino.

L’azienda e il brand Perdormire grazie ai suoi prodotti promuove la cultura del riposo e del benessere a letto. Quanto è importante il riposo e il buon riposo per mantenere la propria bellezza?
Il riposo è fondamentale per la bellezza, non solo quella esteriore. Riposare e dormire bene significano lasciare andare le tossine Accumulate durante il giorno, le difficoltà vissute. È quel silenzio di cui il corpo e la mente hanno bisogno, da sempre. Essere scomodi quando si dorme significa essere scomodi nella vita. È così.

Ci parli del suo rapporto con Perdormire.
Io, da quando ho scoperto Perdormire, dormo e riposo come una bambina. È un'azienda i cui prodotti sono di qualità. Ne amo la ricerca, l'evoluzione tecnologica e l'utilizzo dei materiali nel rispetto dell'ambiente. Tutto questo l’ho potuto riscontrare personalmente dal primo giorno in cui ho conosciuto l’azienda, perché dalla persona di Antonio Caso fino al singolo collaboratore, vivono tutto con passione e attenzione per i particolari! Vi assicuro che i loro prodotti durano nel tempo e sono senza difetti. Ve lo dico perché li ho.