APRE A FIRENZE LA PRIMA BOUTIQUE DI AUDEMARS PIGUET IN TOSCANA

Writer: Giada Bertolini


Il 9 novembre la manifattura Audemars Piguet, storica azienda di orologeria svizzera, ha inaugurato il primo negozio nel cuore del capoluogo toscano, al numero 16 di Ponte Vecchio, in collaborazione con la gioielleria Ugo Piccini. La boutique è in uno scenario ideale per l’azienda di orologi da polso di lusso, circondata da negozi per la maggior parte di orafi fiorentini dove si possono trovare prodotti di alta qualità, luogo di prestigio dalla fine del 500. Ponte Vecchio non è solo un ponte, il collegamento tra le due rive dell’Arno, ma una piazza, un mercato di lusso più che una strada. La maison fondata nel 1875 da Jules Louis Audemars ed Edward Auguste Piguet conta 52 boutique nel mondo, di cui in Italia cinque in Italia, oltre a Firenze è presente a Milano, Roma, Venezia e Porto Cervo. Per l’occasione l'azienda, ancora controllata dagli eredi dei fondatori e dunque uno dei pochissimi marchi d’eccellenza ancora indipendenti e non controllati da grandi gruppi, ha lanciato in anteprima mondiale il nuovo modello Royal Oak Frosted Gold, in oro bianco e rosa, realizzato con la designer fiorentina di gioielli Carolina Bucci. Il modello ha una forte lucentezza grazie ad un particolare procedimento di lavorazione della superficie detta tecnica fiorentina. Il primo Royal Oak da donna è stato progettato nel 1976 da Jacqueline Dimier che reinterpretò il modello originale di Gérald Genta del 1972. L’Audemars Piguet Royal Oak è un vero e proprio must per la sua storia ed è considerato tra i migliori tre orologi di lusso al mondo. La manifattura con sede a Le Brassus produce circa 26.000 orologi l’anno fatti a mano e prodotti ancora con i metodi di una volta. I vari modelli Royal Oak coprono il 60% delle vendite nel mondo, mentre in Italia il best seller raggiunge l’80 %. Gli italiani, stando alla Federazione orologiera svizzera, sono primi in Europa per quanto riguarda gli acquisti di orologi Made in Switzerland, nel 2014 un miliardo e 200 milioni di Franchi.