birra toscana

Toscana a tutta birra! Cresce il fatturato dei birrifici artigianali

Bionda, scura, non filtrata, doppio malto, fruttata o amarognola. Per ogni occasione, gusto o piatto c'è una birra diversa. Un prodotto che seppur non propriamente di tradizione, negli ultimi anni ha visto in Italia una crescita smisurata in termini di consumo e produzione.

Rispetto al 2016 i consumi sono incrementati di circa l’8% pari a 1,5 miliardi di euro in più, trascinando i quantitativi pro capite a un soffio oltre i 31 litri (annui). Per quanto riguarda la produzione invece, se nel 2012 lungo lo stivale erano solo 286 le imprese che operavano nella fabbricazione della birra, alla fine del 2017 all’appello rispondono invece ben 693 imprese.

È quanto emerge dall’analisi condotta da Unioncamere-InfoCamere sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di commercio tra il 2012 e il 2017.

Per quanto riguarda invece la birra artigianale, secondo Unionbirrai, l’associazione che riunisce i piccoli birrifici indipendenti, i microbirrifici (quelli cioè che per la legge italiana non producono oltre i 200mila ettolitri l’anno, che non pastorizzano e non filtrano, restituendo al consumatore una bevanda “viva”) negli ultimi dieci anni sono passati da 113 a un migliaio, il 60% dei quali realizza un fatturato annuo tra i 100 e gli 800mila euro.

In Toscana sono poco sotto il centinaio, contro circa una sessantina nel 2015. Di questi una ventina sono agricoli, ossia coltivano direttamente almeno il 51% della materia prima.

Tagsbirra