riapre atman villa rospigliosi

Riapre Atman a Villa Rospigliosi: alla guida della cucina c'è l'allievo di Corelli

Writer: Samantha Ferri


Era appena iniziato il nuovo anno quando Igles Corelli aveva annunciato il suo addio al ristorante Atman a Villa Rospigliosi. Non c'è da temere però per il ristorante stellato di Lamporecchio: a subentrare sarà infatti Marco Cahssai, definito dallo stesso Corelli “il mio braccio destro e sinistro”. Un semplice cambio di guardia, o un passaggio di mestolo per dirla in termini culinari, Cahssai era infatti il numero due di Atman e allievo storico di Corelli.

Una storia interessante quella di chef Cahssai, che non si è avvicinato fin da subito alla cucina e non ha nemmeno frequentato la scuola alberghiera. È stata una passione cresciuta piano piano. Prima nel rispetto della natura, trasmessagli dal padre che lo portava con sé a scattare foto nel bosco, a cercare funghi o sulle coste tra gli scogli alla ricerca di granchi. Poi grazie agli insegnamenti delle sue prime cuoche, la nonna e la mamma, che lo portavano con loro nel forno di famiglia.

cahssai-corelli atman

Marco Cahssai, a sinistra, e il maestro Igles Corelli

Cahssai, classe 1982, si iscrive all'università alla Facoltà di Lettere e Filosofia ma sono dello stesso periodo le prime esperienze nei ristoranti della capitale. È il 2004 quando Marco scopre che il suo più grande amore è la cucina. Frequenta dunque l'Accademia del Gambero Rosso, dove conosce il maestro Igles Corelli. Nel 2005 inizia la collaborazione tra i due che da allora lavoreranno fianco a fianco per tredici anni.

Prima sul Delta del Po nella Locanda della Tamerice, dove in tre anni Marco impara ad apprezzare e valorizzare la cucina di quel territorio, fatta di bruma, di germani reali, di anguille e che porterà con sé come bagaglio personale imprescindibile negli anni a venire. In seguito Cahssai e Corelli si spostano a Pescia, qui aprono il Ristorante Atman, un progetto unico nel suo genere dato che i due sono gli unici componenti della cucina.

La prima stella Michelin arriva appena dopo solo dieci mesi dall'apertura. Una storia lastricata di successi quella di Atman, che in cinque anni riceve altri prestigiosi riconoscimenti: oltre la Stella Michelin, arrivano le 2 Forchette del Gambero Rosso, i 2 Cappelli della Guida dell’Espresso e le 3 Medaglie del Touring Club. Premi che collocano l’Atman di diritto tra i primi cinquanta ristoranti d'Italia.

È nel 2015 che inizia l'avventura di Atman a Villa Rospigliosi, una bellissima residenza a Lamporecchio, realizzata da un allievo del Bernini. Qui passano sette mesi e arriva un'altra stella Michelin, dopo soli due anni le 3 Forchette del Gambero Rosso e ancora una volta le 3 Medaglie del Touring Club.

(Leggi anche: Igles Corelli, l'intervista di Must Review* al maestro della cucina circolare)

Avventura che adesso prende una piega inedita per Cahssai che da quest'anno è executive chef di Atman a Villa Rospigliosi. La riapertura ci sarà mercoledì 7 febbraio e Cahssai si dichiara pronto a stupire gli appassionati di buon cibo con una cucina che dedica attenzione al sapore, alla materia prima e al legame con la terra che lo ha sempre contraddistinto.

Nel menù si potranno trovare piatti come l'Arrosto crudo, lo Gnocco in camicia di pescato, brodo di gambi, salicornia e pomodoro confit, la Zuppa di reti vuote e bottarga, l'Anguilla in carpione freddo e mozzarella.

Atman a Villa Rospigliosi: Via Borghetto 1, Lamporecchio
0573803432 - info@ristoranteatman.it - atmanvillarospigliosi.it