'PRATO E' SPETTACOLO', AL VIA IL FESTIVAL DI MUSICA, GIOCHI E TRADIZIONI POPOLARI

Se c'è un mese durante il quale la Toscana dà il meglio della sua bellezza quello è di sicuro settembre. Settembre è il mese del vino e dei meravigliosi colori e, a Prato, settembre è da sempre il mese della grande festa. Il festival 'Prato è spettacolo' vuole evidenziare ancora di più questa natura della città, che parte dalle antiche tradizioni per arrivare alle migliori espressioni della contemporaneità: una città simbolo per il genio creativo, l'accoglienza e l'operosità.

Le piazze più belle, nel centro storico, si riempiono di musica, cibo, giochi, sport, tradizioni. E voglia di condividere esperienze ed emozioni. Oltre 50 gli eventi da vivere insieme, per 17  giorni (1-17 settembre), nel programma di Settembre. Un festival di fine estate che è solo alla seconda edizione, ma che già si arricchisce di tante novità. Come ad esempio La piazza dei Piccoli, ovvero Piazza Santa Maria in Castello, trasformata per l'occasione nel regno dei bambini con un orto-giardino urbano ispirato al mondo del sogno e tantissime attività, tra giochi, lezioni di yoga e laboratori musicali e creativi.

Altra novità di questa edizione sarà lo spazio dedicato al cibo di strada di qualità: con il Finger Food Festival che per tre giorni, dal 9 all’11, animerà piazza Mercatale, insieme allo storico gioco della Palla Grossa, una tradizione locale che risale addirittura al Cinquecento, tornata a vivere da qualche anno con le sfide tra i 4 rioni di Prato.

 Ma la grande protagonista del festival è come sempre la musica: in Piazza Duomo si esibiranno molti big della musica italiana, da Gianna Nannini (1/9) a Carmen Consoli (4/9), a Elio e le storie Tese(5/9), e di gruppi indie come i Verdena e i Marlene Kuntz, eccezionalmente insieme sul palco il 2/9. E ancora arriveranno a Prato Goran Bregovic e la sua Wedding And Funeral Band e gli Air,il raffinato duo francese che è tornato quest’estate a esibirsi live dopo anni di assenza. Gran finale, il 7 settembre, con il tradizionale concerto a ingresso libero della Camerata Strumentale Città di Prato, l’orchestra della città diretta da Jonathan Webb che quest’anno ospita Cristina Zavalloni, artista dalla voce seducente capace di incrociare il jazz il più sofisticato con il canto lirico.
A parte i concerti di piazza Duomo quasi tutti gli altri appuntamenti del festival sono gratuiti; in più sono previsti sconti speciali negli hotel e nei musei della città. Tutte le informazioni e il calendario completo degli  eventi sul sito settembreprato.it.