ELIO E LE STORIE TESE

4 SETTEMBRE 2016, ORE 21,30 - PIAZZA DEL DUOMO, PRATO


Un 2016 davvero coi fiocchi quello del gruppo che dopo aver partecipato a Sanremo con la pirotecnica “Vincere l’odio”, supercanzone con ben sette ritornelli, ha pubblicato “Figgatta de blanc”, titolo estroso per un album eclettico e geniale, dove i nostri eroi raccontano a più voci il mondo contemporaneo fra umorismo e lucida follia. Ne è passato di tempo dal concorso “’83 l’anno per te”, il concorso di Radio Poster che incoronò vincitori a pari merito con un altro i giovanissimi EelST. Trentadue anni dopo, gli allori di Radio Poster sono poco più di un ricordo; non è pensabile dormirci sopra. Da questa considerazione nasce la nuova provocatoria iniziativa by Elio e le Storie Tese, il Piccoli Energumeni Tour. Band di culto, vere e proprie icone, artisticamente ci hanno abituati ad ogni genere di novità. Presenza costante ma mai scontata nel panorama italiano, inarrivabili nella cura della loro proposta musicale, ogni loro nuova apparizione ha segnato momenti memorabili sia che si trattasse di un album, che di un concerto o di un’apparizione televisiva.

Obiettivo del Piccoli Energumeni Tour (PET) è dare spettacolo in grandi spazi come palasport, arene e festivàl all’aperto, per raggiungere più spettatori in un colpo solo. Al contrario dei concerti nei teatri (per i quali sono necessarie 1-2 rappresentazioni per città), nei Café chantant (10-50 rappresentazioni per città) o nelle case di singoli e coppie (migliaia di concerti per città), la scena musicale del palasport riserva vantaggi. Fra tutti: agli EelST tocca fare meno concerti e c’è più tempo da dedicare alle proprie attività professionali. Attività professionali di membri e collaboratori degli EelST aggiornate al 1 dicembre 2015: Credere negli esseri umani che hanno il coraggio di essere umani (Elio) • Automodellismo di pregio (Cesareo) • Telecronismo di baseball (Faso) • Moto da trial (Christian Meyer) • Giochini sul telefono (Rocco Tanica) • Microsaldature (Jantoman) • Gorgheggi (Paola Folli) • Ridere continuamente (Vittorio Cosma) • Progettare edifici (arch. Mangoni).